Testi e foto sono di mia proprietà, se non diversamente indicato. Se volete usarli siate gentili ed indicate come fonte Nel sud del nord e magari comunicatemelo :-) Grazie!

lunedì 27 marzo 2017

Un mulino a Hässleholm

Oggi sono stata in ufficio. La quarta volta dall'operazione. Il capo non dice niente, non chiede niente e io continuo a lavorare da casa. Come vi ho raccontato mi trovo bene. Risparmio più di un'ora di viaggio e lavoro meglio e più concentrata. Oggi dopo pranzo avevamo la riunione del distretto e vi dico che senza mentire ho passato tutta la mattinata a parlare con i miei colleghi. Alcuni non li avevo incontrati da prima dell'operazione e uno ad uno sono venuti a chiedermi come va. Insomma non sono riuscita a combinare niente. Poi c'è stata la riunione e poi la festa di pensionamento di un collega e alla fine sono stata costretta a lavorare stasera da casa per riuscire a fare alcune cose che dovevo fare 😂.

Mulino al parcheggio di Hässleholm
Mulino al parcheggio di Hässleholm

Mulino al parcheggio di Hässleholm

Per i pasti ho copiato ieri, yogurt e frutta a colazione e riso in bianco a pranzo, questa volta 200 grammi. Però non come qualcuno ha commentato nel post precedente, con olio e parmigiano. Io quando dico riso in bianco intendo senza niente! Bollito, scolato e mangiato assolutamente senza condimento 😋. Poi però alla festa di pensionamento ho ceduto. All'inizio mi ero trattenuta, tutti mangiavano le varie bontà di dolci che c'erano. Io ho detto "no grazie" a tutto e me ne stavo lì con il mio bicchiere di acqua. Poi ho ceduto, c'erano dei dolci senza lattosio e senza glutine e mi sono detta provo...non l'avessi mai fatto! Pensavo dai dolori di non riuscire a tornare a casa! Domani si va di nuovo di riso...in bianco!

domenica 26 marzo 2017

Fiori!

Oggi dopo pranzo siamo usciti per andare in un centro per il giardinaggio. È ora di fare rifornimento con la terra per i vasi, il concime per il prato, qualcosa da seminare, qualcosa da piantare e un po' di attrezzi. È sempre un po' speciale quando arriva la primavera, i centri di giardinaggio riaprono e la prima visita lì è sempre emozionante....e pericolosa che se uno non si controlla si può spendere una fortuna!

Però ormai abbiamo alle spalle molti anni di giardinaggio e certi errori non li facciamo più! Non so quanti soldi abbiamo speso in cose inutili e piante che comunque non averbbero mai resistito nel nostro giardino. Oggi ho visto gente comprare alberelli di olivo, limoni e aranci. Costano una fortuna...e per di più muoiono...però capisco che per molti la prima visita dell'anno in questi centri dà alla testa...poi se pensate che il 24 era giorno di stipendio qui in Svezia allora capite che non è facile trattenersi 😁. Però noi siamo stati bravi, solo il necessario e le viole del pensiero da mettere nei vasi alle finestre e alle due porte davanti!

Penséer

Tusensköna

Viole del pensiero

Oggi ho fatto un esperimento con il mangiare. Ho fatto la solita colazione che non mi fa male cioè un frutto tagliato in pezzi coperto da yogurt acido e con un cucchiaio di polline di api e un bicchiere di latte di riso, è andata bene! Poi a pranzo ho mangiato tre cucchiai di riso cotto in bianco ed è andata bene anche con questa, niente dolore! Ora la domanda è se è la quantità di cibo a darmi fastidio o il tipo di cibo. Voglio dire sono stata contentissima di non avere avuto dolori, anche perché altrimenti il giro tra i fiori non me lo sarei goduto, ma con tre cucchiai di riso cotto in bianco non arrivo lontano. Domani provo con sei cucchiai di riso cotto sempre in bianco, vediamo come andrà. È ora di andare a letto e ci vado affamata!!!! Grrrr!!!

Il sole :-)

Ieri è stata una bella giornata di sole! Sono stata fuori un po'. Con un cappello e qualcosa intorno al collo a proteggere la cicatrice e via pronta ad affrontare il mio amato sole! Ho seminato i pomodori, quelli cuore di bue che mi erano arrivati per posta in un pacchetto da una mia fan 😊. Speriamo ne venga fuori qualcosa.

Semine dei pomodori

È anche ora di fare le talee dai geranei e anche lì non so mai se posso contare che riuscirò ha tirare fuori qualcosa, ma ci provo.
Crochi di più colori sono spuntati e i bucaneve ancora fioriscono bellissimi mentre la scilla sta invadendo la parte alta del giardino, è un bello spettacolo.

Crochi bianchi

Scilla in giardino

Per il resto sto ancora lì a combattere con i dolori di stomaco. Mi hanno dato da prendere l'omeprazol, ma non aiuta, la mattina riesco a passarla senza dolori, ma dopo il pranzo cominciano e mi accompagnano fino a verso la mezzanotte con anche la sensazione di dover rimettere, ma per fortuna non succede. Ormai salto la cena per paura di avere dolori tutta la notte. Ma non posso saltare tutti i pasti della giornata, anche se ci sto pensando che senza dolori di stomaco si sta molto meglio 😁. Ho deciso di smettere di prendere l'omeprazol perché non mi aiuta e inoltre può causare altri problemi. Oggi a pranzo provo con il solo riso in bianco e poi devo procurarmi i prodotti probiotici che vediamo se mi possono aiutare. Ieri ho fatto ricerche su internet e proverò con Probi Mage che è un prodotto che si vende qui in Svezia.

La ferita è completamente chiusa ed ora c'è la crosta. Lunedi mi hanno detto che non c'è più bisogno di andare ai controlli e che ci rivediamo solamente se io noto qualcosa di strano. Insomma mi hanno detto che ora posso volare con le mie ali...però io sto benedetto volo non sono ancora riuscita a spiccarlo, passo la sera sul divano, distesa in preda a crampi allo stomaco. Il chirurgo la scorsa settimana mi ha chiesto se avevo ricominciato gli allenamenti e quando io stupida della domanda ho detto no allora lui ha detto che beh è ora di ricominciare, ma mi chiedo, è mai stato operato??? Ahh sti chirughi non sanno cosa vuol dire stare dall'altra parte dei ferri 😉.

martedì 21 marzo 2017

La lontra a Kristianstad

Uno degli animali che non sono ancora riuscita a vedere ma che so che qui c'è o che almeno è tornato è la lontra! Negli ultimi anni è stata avvistata più volte nelle acque della riserva della biosfera e nell'inverno 2015/2016 una mamma con i suoi due piccoli ha stazionato nelle acque intorno Naturum, il centro visite della Riserva. Passo ogni tanto lì, quando parcheggio la macchina al di là del fiume Helgeå e raggiungo la città attraverso il ponte di legno che unisce le due sponde del fiume.

Naturum a Kristianstad, foto del marzo 2014

Riserva Biosfera a Kristianstad

Butto sempre un'occhiata a destra e sinistra sia mai la riesca a vedere ma non è ancora successo. Ho visto foto e video ma dal vivo niente. Diciamo che sono una di quelle persone che se riesce a vederla mentro passo bene, altrimenti sarà per un'altra volta. Fermarmi ad aspettare per più di 10 secondi il più delle volte non fa per me, vado in città sempre per risolvere qualche questione e di solito anche di fretta.

Però ecco visti gli eventi forse non dovrei avere così tanta fretta che tanto dove arrivo? Non si finisce mai di imparare, mi piace!


Comunque sia per fortuna c'è chi ha più pazienza di me e fa anche video così la lontra nelle acque di Kristianstad ve la posso far vedere. Ed il video è di proprietà del comune di Kristianstad.


A proposito di animali, vi ricordate che qui vi avevo raccontato delle gru? Ecco la webcamera di giorno è accesa, quindi se vi va cliccate qui. Il 19 marzo hanno cominciato con la raccolta dati e la conta delle gru, quella sera ne sono state contate 3200! Ora sì che comincia lo spettacolo!

lunedì 20 marzo 2017

È passato l'inverno?

Me lo domandavo, e se è passato è passato velocemente, forse perché mi sembra di aver perso due mesi...o magari questi due mesi li ho vinti 😌.

Questa settimana ricomincia la raccolta dei rifiuti giardinicoli. Avevamo riempito il cassone già a novembre dopo l'ultima raccolta. Riempito di foglie dei diversi alberi, ma soprattutto della quercia. Poi con i mesi le foglie erano diminuite di volume e così siamo riusciti a metterci un altro po' di rifiuti.

Funghi sulle querce

A proposito di querce, ne avevamo tre in giardino. Una è quella che ogni tanto vi faccio vedere, quella grande, con la casetta degli uccelli, quella che resterà. La seconda l'abbiamo tagliata un bel po' di anni fa, ormai non trovo neanche il ceppo che sta lì da qualche parte sulla collina, tra i fiori. La terza l'abbiamo dovuta tagliare due o tre anni fa, cresceva e cresceva, come fanno tutti gli alberi :-) e se non l'avessimo tagliata allora sarebbe diventata un problema in futuro. Il ceppo di questa si vede benissimo e i funghi hanno cominciato a colonizzarlo. Potrei stare delle ore a guardarli, questi capolavori della natura! La primavera è alle porte!

sabato 18 marzo 2017

In giardino

Una giornata tremenda se penso al tempo. Pioggia, grandine e neve alternati e freddo. Sono uscita in giardino per controllare e la mia idea era anche di procedere alle prime semine in vaso, poi da tenere in casa.

Nell'orto, 18 marzo 2017

Ho controllato un po' il fazzoletto di orto, l'aglio sta crescendo bene ma ho visto che molti sono stati "tirati" su, sarà stato l'alternarsi di gelo e disgelo? Qualche bestia? Grrr, se la becco!! Io li ho rimessi sotto terra e vediamo cosa succede, se cresceranno. Mentre ero fuori ha ricominciato a nevicare e per le semine aspetto, magari domani sarà una giornata migliore.

Nell'orto, 18 marzo 2017

Sto pensando a come fare con gli allenamenti. La ferita continua a buttare ma non come prima, il chirurgo si era stupito che dopo quasi due mesi ancora uscisse robaccia, ha guardato il buco che ormai è un buchetto di pochi millimetri e si domandava da dove uscisse tutta quella roba, se solo avesse visto come era prima! Comunque sia, potrei ricominciare a correre, il problema è che ho tremendi dolori di stomaco qualche ora dopo aver mangiato, ogni volta. Credo sia dovuto alle quattro settimane di antibiotici, o almeno spero non sia niente di peggio. Quindi o corro a stomaco vuoto o aspetto...e allora aspetto, almeno fino a quando la ferita non è completamente guarita. Poi con santa pazienza si ricomincia e magari riesco a tornare ad un livello accettabile...che poi, diciamoci la verita, non è così importante.

venerdì 17 marzo 2017

Un giro a Lund

Ahh è passata quasi una settimana. Ho avuto un bel po' da fare e la sera ero stanchissima. Crollata sul divano come una pera e anche un po' ammaccata!

Lund

Lund

Lund

Al lavoro stanno riorganizzando il distretto. Dal 1 aprile i compiti vengono ridistribuiti e a quanto sembra io non dovrò più lavorare in bosco, o almeno non regolarmente. 50% del mio tempo va al progetto europeo e l'altro 50% al controllo delle richieste del taglio. La differenza è che non sarò più il responsabile per tutte le questioni forestali nel comune di Kristianstad e Bromölla, invece mi occuperò delle richieste per i tagli di tutta la Scania. Non lavorerò più con gli aiuti economici e neanche con i permessi per i boschi di latifoglie. Un grande cambiamento che vedo come positivo. In queste settimane di "malattia" non sono stata in bosco neanche una volta e vi dico la verità non mi è mancato affatto, andare in bosco per lavoro è stato molte volte in passato un peso e provare un nuovo modo di lavorare mi mette semplicemente di buon umore. Mi piacciono i cambiamenti ed era proprio ora perché almeno uno si verificasse! Spero in molti altri!

Lund

Ieri sono stata a Lund per incontrare il chirurgo. Come sempre le visite vanno velocissime, hanno una tabella di marcia incredibile, un paziente dopo l'altro come in una catena di montaggio. Anzi io credo di essere stata più di quello che era previsto perché dopo un po' ho visto l'infermiera agitarsi. Avevo una marea di domande scritte su un foglietto e quando ho lasciato lo studio ne avevo altrettante di nuove, a cui non avevo pensato prima. In realtà mi rendo conto che le domande di dopo la visita sarebbero state domande senza risposta. Io 'sta cosa che un batterio si possa mettere da qualche parte nell'organismo e iniziare a fare casino proprio non la capisco e non riesco ad accettarla. Il chirurgo ha ribadito la gravità della mia situazione, di prima dell'operazione, non di ora. Ha detto anche che il mio caso è stato anomalo, che molto di rado hanno casi come il mio. E che probabilmente i medici della mia clinica non avrebbero incontrato un altro caso simile in tutta la loro carriera, come per giustificare il loro "errore" di rimandarmi ripetutemente a casa. Ho capito che il batterio si era messo in un posto non comune, però quello che dico io è che il gonfiore/bozzo sul collo si vedeva bene, che la VES era alta e che avevo la febbre senza raffreddore o tosse, la voce era cambiata e in più avevo tutti quei dolori sul lato sinistro del viso, quindi perché non hanno reagito a questi segnali? Pensavano veramente che tutto sarebbe passato da solo? Dopo che giorno dopo giorno c'erano peggioramenti? Vi dico che potrei stare a parlare con questo chirurgo per delle ore senza problemi, con tutte le domande che ho e che mi vengono in mente ogni giorno non avrei problemi a riempire il tempo, ma so che non accadrà.

Lunds Domkyrka

Lund

Sono poi rimasta a Lund, ho fatto un po' la turista e poi sono passata in un negozio di lana. Mi sono procurata i ferri tondi e i cinque ferri corti di 9 mm per poter fare i cappelli infeltriti senza dover fare le cuciture. Ho poi fatto scorta di lana e cotone, e io che volevo finire le mie scorte 😌. Ho comprato del cotone per una maglietta estiva, la lana per le muffole per il mio bello, quella per il cappello infeltrito per mamma 😍, quella per un altro cappello infeltrito e poi altra lana per altri tre progetti da regalare 😏. Insomma il lavoro non mi mancherà.

Lilla Fiskaregatan a Lund

Case a Lund

Avevo deciso di rimanere a Lund già prima di andare lì. Il meteo aveva promesso un sole splendente e ben 9 gradi! La giornata invece è passata per la gran parte sotto la pioggia e con un vento tremendo, credo fossimo lontani dai 9 gradi promessi. Non è che mi importasse, ho girovagato qua e là, sono entrata in due chiese e poi mangiato un panino seduta su una panchina in una piazza sotto una pioggerellina leggera leggera, mi è sembrato bellissimo, voglio dire già il poter vivere mi sembra una grande cosa.

Paradisgatan i Lund

Lundagård

domenica 12 marzo 2017

Dopo la giornata di sole

È arrivata quella con le nuvole e anche un po' freddina! Quando mi sono alzata i gradi erano quattro sotto le zero e poi a fatica siamo arrivati a due sopra.

Non avevo programmato niente di particolare per la giornata, lavatrici da fare, panni da stirare, qualcosa da cucire e altro da cucinare, forse qualche ferro a maglia e poi una passeggiata e qualche "minuto" in giardino a controllare la situazione.

12 marzo 2017 in giardino

A metà mattinata mi chiama la mia amica, ciclista, che avendo scelto oggi come giornata di riposo dagli allenamenti mi proponeva di passeggiare insieme. Che bella sorpresa! Ci eravamo incontrate l'ultima volta il 5 gennaio per una cena insieme, poi a me è successo quello che è successo e una volta tornata a casa lei era stata più volte con il raffreddore e febbre e l'occasione di incontrarci era stata sempre rimandata.

Il giardino verso i pascoli, 12 marzo 2017

È arrivata a casa mia poco prima delle 13 con un mazzo di tulipani 😊, certo che i fiori fanno la casa molto più allegra! Siamo uscite e fatto quel giro verso il bosco e poi a destra sulla vecchia ferrovia...abbiamo parlato un po' della sanità, che funziona come funziona (leggi male), degli allenamenti, che io prima o poi dovrò ricominciare. Certo aspetto che la ferita sia a posto ma poi si torna in sella e si ricomincia a correre, per il nuoto invece dovrò aspettare, con quella ferita sul collo non mi sembra proprio possibile poter usare la muta che stringe tremendamente proprio lì. Non c'è fretta, di gareggiare non se ne parla per quest'anno. Però più in là ho un campo di allenamento già programmato da tempo e se tutto va bene andrò! Porterò con me tutto, compresa la bici e qualche giro tranquillo riuscirò pur a farlo 😊.

Amo i vostri commenti :-)

Linkwithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...